top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreCoriacea

Prepararsi all’Apocalisse.


Non è un titolo ad effetto è la pura verità. E visto che ci siamo, vogliamo essere sinceri fino in fondo. Questo inferno ce lo siamo meritato. Sono oltre 20 anni che si è instaurato un Nuovo Ordine Mondiale (NWO). Il 9/11 è stata la data d’inizio ufficiale. L’élite mondiale ha avuto tutto il tempo necessario per preparare l’Armageddon che verrà. I prossimi sette anni, dal 2024 al 2030, temo proprio che saranno ricordati dalla storia come i famosi 7 anni di “tribolazione” predetti nell’Apocalisse.

Non c’è più tempo di spiegare la drammatica situazione odierna. Chi, ancora oggi, non ha capito cosa sta accadendo, forse non lo capirà più.

 

Molto semplicemente il mondo che conoscevamo fino a ieri non c’è più. In ambito economico e monetario possiamo aggiungere che il concetto di moneta come lo abbiamo imparato a conoscere fino ad oggi è in realtà morto nel 2023.

 

Il Nuovo Ordine Mondiale o NWO prevede che la moneta fisica scompaia perché di colpo è diventata il male assoluto.

 

La moneta ufficiale prevista dall’NWO è la CBDC. La CBDC è una “moneta digitale” del tutto nuova, anzi, a dire il vero, essa, non è affatto una moneta, ma solamente uno “strumento” di dominio, grazie al quale, una oscura élite di persone sono in grado di controllare “remotamente” la vita di tutti i popoli del mondo.

La CBDC (Central Bank Digital Currency) è una moneta esclusivamente digitale e direttamente emessa dalle sole “banche centrali” delle varie nazioni/federazioni del pianeta.

La CBDC della Unione Europea è l’Euro Digitale emesso direttamente ed esclusivamente dalla BCE.  Ogni nazione/federazione del mondo sta già attualmente verificando/implementando la propria CBDC sul suo territorio [1].

 

Anche se negato apertamente dagli “esperti”, in realtà, la CBDC, per sua natura, non può coesistere con le altre monete. Entrare nei dettagli tecnici della CBDC mi è impossibile in questo articolo. In un mio lungo video, di oltre 2 ore (al momento solo in “italiano”) descrivo tutti, ma proprio tutti, gli oscuri dettagli tecnici della CBDC [2].

 

Qui di seguito, riporto, solo brevemente, l’essenza della CBDC:

  1. La CBDC sostituisce i contanti con una sorta di denaro digitale a scadenza, non cumulabile, e che non possiedi mai legalmente;

  2. Denaro digitale su cui “qualcuno” ti può anche addebitare direttamente interessi e commissioni in maniera insindacabile;

  3. Denaro digitale che non puoi spendere senza permesso.

 

L’introduzione ufficiale della CBDC provocherà, in tutte le nazioni interessate, un cataclisma di proporzioni bibliche.

Le banche “non sistemiche” (sacrificabili) saranno tutte destinate a fallire, o quanto meno, a subire forti ridimensionamenti. I correntisti di tali banche perderanno ingenti somme di danaro [3].

 

Coloro che credono di poter salvare il proprio patrimonio migrando su bitcoin si stanno sbagliano di grosso. Mercoledì 10 gennaio 2024 è la data in cui il bitcoin è “tecnicamente” morto!

In questa data la SEC (Securities and Exchange Commission) ha approvato gli ETF Bitcoin. Anche se molti “esperti” e “stampa specializzata” hanno salutato questo evento come una grande notizia, la realtà è ben diversa: “La finanza tradizionale ha schiacciato la testa al progetto anarchico bitcoin”.

Un progetto “anarchico”, come molti credono essere bitcoin, non può e non deve essere influenzato dalla finanza tradizionale in alcun modo. Penso che questo lo può comprendere anche un bambino. Il sogno anarchico di Timoty C. May è morto così come il suo manifesto [4].

Ma le ragioni della morte del bitcoin non sono solo di natura “etica”, purtroppo sono anche di natura squisitamente “tecnica”.

Come molti sanno il bitcoin non è affatto un sistema monetario normale. Bitcoin per esistere DEVE “muoversi” (transazioni) all’interno della propria rete. La presenza della finanza tradizionale (ETF Bitcoin) sconvolge i “nodi core” della rete bitcoin, vale a dire i Miners.

Se i miners non riescono a validare i blocchi  della blockchain, essi non riceveranno (=guadagnare) i bitcoin grazie ai quali sono in grado di sostenere agevolmente le “enormi” spese di gestione della loro Server Farm (soprattutto i costi dell’energia elettrica). A causa di queste difficoltà numerosi miners stanno “già” iniziando “silenziosamente” a vendere la proprie attività alle banche sistemiche, le quali a questo punto si troveranno nella posizione di controllare completamente la rete core Bitcoin. Altro che sistema monetario anarchico.

Il prossimo halving (previsto tra aprile/maggio 2024) non farà altro che peggiorare la situazione. Per tale ragione molti miners “silenziosamente” stanno cedendo le proprie ex lucrose attività alle banche che, per ora, sembra che stanno offrendo ai miners  generose offerte in denaro (nell’ordine di 100 milioni di dollari), in cambio della cessione silenziosa dalla propria attività da miner.

 

Il tempo ci dimostrerà che queste informazioni provenienti dal dark web sono effettivamente vere.

Nello stesso tempo mi sento di dire che queste informazioni sono fortemente credibili. Le ragioni le abbiamo anticipate prima.

 

La CBDC è una moneta digitale che per sua natura è dominante e quindi non può coesistere con una altra moneta digitale ad alto potenziale come “era” il bitcoin. Nessuno deve scappare dall’infernale infrastruttura della CBDC. L’NWO prevede che “tutto” debba essere tracciato e remotamente controllabile. La CBDC è lo strumento perfetto di dominio, lo abbiamo già detto.

Gli ETF Bitcoin fanno venire in mente le scatenate feste danzanti in Terza Classe a bordo del Titanic. Furono le buie e gelide acque dell’oceano atlantico a rovinare bruscamente la festa. Solo in quel momento, i pochi “ballerini” riusciti a salire in coperta, si resero conto che le scialuppe di salvataggio non c’erano più, e che il transatlantico, da lì a poco, si sarebbe inesorabilmente inabissato.

 

A questo punto qualche lettore starà pensando di “congelare” il proprio patrimonio comprando oro. Quello che segue è l’andamento dell’oro negli ultimi 20 anni.


 Nel momento in cui sto scrivendo l’oro ha superato abbondantemente i 2000 dollari all’oncia (=28,35 grammi). L’oro è certamente un bene di rifugio per eccellenza, ma è pur vero che il suo valore ha perso da tempo il contatto con la realtà.

La vera ragione della sua crescita inarrestabile è dovuta al fatto che i “veri esperti” non si sono mai bevuti la favola del bitcoin come il nuovo “oro” (digitale). Solo gli sciocchi lo hanno fatto.

 

Quando la bolla degli ETF Bitcoin esploderà in tutto il suo fragore, l’oro prenderà il volo. Comprare in preda alla panico è però una pessima idea. C’è il rischio, non remoto, di “proteggere” l’attuale patrimonio monetario con qualche oncia d’oro in futuro. Significa aver chiuso la stalla quando i buoi sono scappati!

 

È quindi necessario prevedere, ANTICIPATAMENTE, strategie intelligenti.

Ancora oggi esiste un mercato che non ha perso contatto con la realtà. Anche se tale mercato sta iniziando a crescere, come è giusto che faccia. È il mercato delle terre strategiche ed alto valore aggiunto.

 

Il mercato delle terre in Europa è variegato ma due paesi sono molto attraenti da questo punto di vista. Il primo, a mio avviso, è la Spagna. Il secondo è la Polonia.

 

La Spagna è ancora oggi un luogo dove è possibile comprare terre di prestigio a prezzi estremamente competitivi ed introvabili in tutti gli altri paesi d’Europa. Ad esempio è possibile comprare una collina privata edificabile, di 5 ettari (50.000 m2), dotata di un suo pozzo d’acqua, vista mare, con centinaia di olivi e alberi da frutto, adiacente ad una riserva naturale. Un paradiso [5]. Questo vuol dire salvare i propri risparmi con intelligenza.

 

La Polonia, invece, è l’unico paese dell’Unione Europea la cui economia, nonostante tutto, continua a crescere in maniera sostenuta. La ragione è molto semplice. La Polonia pur essendo a tutti gli effetti un membro della Unione Europea non ha però abbandonato la sua moneta nazionale. Ad oggi è ancora possibile trovare terre collinari edificabili, in aree di assoluto prestigio e bellezza, contornate da boschi, anche se allo stesso tempo non lontane da fiorenti città. Terreni dotati di tutte le utenze essenziali (acqua, luce, gas, internet), collegate da strade ed autostrade impeccabili [6].

 

E poi diciamolo una volta per tutte: la terra è anche la madre dell’oro.

 

Di questi tempi bui, avere un pezzo di terra e costruire lì la propria casa, è l’unica idea saggia per proteggere, fino a quando sarà possibile, se stessi e la propria famiglia.

 


___________________________

Note


[1] Per maggiori dettagli si rimanda al seguente link: https://cbdctracker.org/

[2] Per maggiori dettagli: https://youtu.be/ettmXyDu1RU.

[5] Per maggiori dettagli si rimanda al seguente link: https://www.idealista.com/inmueble/99598294/

 

591 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page